Asolo Prosecco: lo spumante per le feste di Natale - Dacastello Vini Pregiati

Asolo Prosecco: lo spumante per le feste di Natale

 

Asolo Prosecco Le Clivie, protagonista delle feste di fine anno?

Non è facile decretare quale sia in assoluto il vino ideale per il periodo natalizio. Le possibilità sono davvero molte e tutte assolutamente valide.

All’interno del panorama enologico italiano, Natale e Capodanno rimano con Barolo, Amarone, Brunello di Montalcino, Spumante, Moscato

Un vino però spicca all’interno della rosa di possibilità: l’Asolo Prosecco.

Si tratta di uno spumante unico e di alto livello che si produce in un territorio incredibile, in cui la biodiversità è fortemente rispettata.

Testimone dell’unicità del suo territorio: i comprensori collinari del Montello e i Colli Asolani

L’Asolo Prosecco nasce in un territorio circoscritto e qualitativamente rilevante, fattore che lo distingue nettamente in qualità rispetto alle altre tipologie di Prosecco.

Si tratta di una zona variegata, in cui si alternano colli e pianure, dove la natura è rispettata nella sua ricca biodiversità.

In quest’area, ai piedi delle Dolomiti, i vigneti si trovano ad un’altitudine che va dai 100 ai 450 metri sul livello del mare e beneficano di un clima mite, con una grande esposizione a sud.

Uno spumante di alto livello

L’Asolo Prosecco è uno spumante unico e di alto livello, che si distingue nitidamente per il colore chiarissimo, i decisi profumi floreali e il gusto sapido. 

Questo spumante, dal perlage fine e cremoso, ha delicati sentori di fiori bianchi. Al palato è sapido e leggermente abboccato.

E’ un vino di grande costanza aromatica e dall’acidità bilanciata alla sapidità, indice del legame tra il prodotto e il suo terroir, caratterizzato da una situazione pedoclimatica unica nel suo genere.

L’aroma fruttato, il gusto delicato, il corpo morbido e la bollicina carica di brio, rendono l’Asolo Prosecco un vino molto gradevole e dall’ottima bevibilità. Un vino elegante, fresco e leggero. Euforico.

A seconda dei gusti, è possibile degustarlo nella versione BRUT o EXTRA DRY.

Asolo Prosecco BRUT

La versione Brut ha un residuo zuccherino massimo di 12 grammi per litro.

Il sapore è piacevole e fresco con una leggera nota acidula che lo rende il vino perfetto per l’aperitivo o per accompagnare antipasti o piatti a base di pesce.

Asolo Prosecco EXTRA DRY

L’Extra Dry ha un residuo zuccherino fra i 12 e i 17 grammi per litro, è un vino più amabile, con note più dolci. E’ il vino ideale per un brindisi fuori pasto, ma si presta bene anche ad accompagnare banchetti e piatti leggeri.

Asolo Prosecco, una storia lunga 1000 anni

Come tutte le cose importanti, l’Asolo Prosecco ha una storia antichissima.

Già a partire dall’anno Mille i monaci benedettini praticavano la viticoltura nei Colli Asolani e sul Montello. Intorno al 1400 la nobiltà veneziana dimostrò interesse per la bellezza del territorio e il fascino del vino e cominciò così ad esportarlo nel mondo. La fama della regione si allargò in brevissimo tempo tanto che diventò presto luogo privilegiato per ville e residenze aristocratiche che si possono visitare ancora oggi.

Magnum: ottima abitudine dei giorni nostri

Asolo Prosecco Festa

In contraltare, una tendenza che prende sempre più piede negli ultimi tempi è il formato Magnum.
La sua presenza imponente lo rende infatti il re delle feste, prestandosi alla condivisione e creando un’atmosfera conviviale e festosa.

Da un punto di vista qualitativo, il vino raccolto nelle Magnum è meno esposto all’ossigeno. Il che permette di svilupparsi in modo più lento e stabile, resistendo alle variazioni di temperatura e preservando in modo eccezionale le caratteristiche sensoriali del vino.

Ma in fondo, che sia Brut, Extra Dry, in bottiglia o magnum, un fatto è certo: l’Asolo Prosecco è la scelta giusta per le feste di Natale.